Armenia – dove andare e cosa vedere

La storia si è dimostrata più volte sfavorevole nei confronti dell’Armenia, la quale fu sopraffatta dalla maggior parte delle grandi potenze del passato e quasi distrutta all’inizio del XX secolo. L’Unione Sovietica l’occupò e vi si stabilì per 70 anni, lasciando in eredità brutti e imponenti edifici e il sapore delle grandiose parate militari. La tensione con il vicino Azerbaigian si accese all’inizio degli anni ’90 e il continuo blocco economico ha posto l’economia armena a dura prova, tanto che il carburante e altri generi sono venuti a scarseggiare. Tutto ciò non ha comunque impedito agli armeni di fare le cose che a loro meglio si addicono: celebrare la propria cultura e vivere in maniera rilassata. Le strutture per i viaggiatori sono poche e distanti fra loro, ma la stessa cosa si può dire anche per i luoghi affollati. I caffè lungo le strade di Yerevan non sono esattamente come quelli di Parigi, ma offrono una buona opportunità per vestirsi bene e passare un pomeriggio a osservare la gente. Uscendo dalle grandi città, la campagna armena è stupefacente: ricoperta di fiori di campo, incorniciata da montagne innevate, punteggiata da profonde caverne e ricca di oltre quarantamila chiese e monumenti antichi. L’Armenia, una delle culle della civiltà, offre ai visitatori che siano disposti a fare a meno delle comodità del loro paese esperienze piacevoli e originali.

STORIA

Armenia, il “Paese delle pietre urlanti”, come l’ha definita il poeta russo Osip Mandel’stam. Lungo la Via della Seta, alla scoperta del Caucaso, nel “Nairi”, il Paese dei fiumi così chiamato dai Greci già 3000 anni fa, attraverso un altopiano maestoso dominato dal biblico Monte Ararat (5.165 m) dove si è arenata l’Arca di Noè, punteggiato da monasteri millenari, verdi vallate, canyon, grotte, gole scavate da fiumi silenziosi e foreste disseminate da “khachkar” (croci di pietra intagliate), testimonianza di una profonda fede religiosa. Distrutta dalle truppe di Tamerlano, l’Armenia è stato il Primo paese ad adottare ufficialmente il Cristianesimo nel 301 a.C. Questo è un viaggio nell’anima di un popolo, ospitale e fiero della sua terra e delle sue tradizioni, che fin dall’antichità ha tramandato il proprio patrimonio culturale attraverso preziosi manoscritti, conservati nell’Istituto per i manoscritti antichi Matenadaran di Yerevan, unico al mondo. Un museo all’aria aperta, con oltre 4000 monumenti e luoghi di culto sparsi su tutto il territorio, uno scrigno di tesori esaltato dai colori sorprendenti della natura che soprattutto in autunno dipinge il paesaggio di tonalità molto suggestive. Dalla capitale Yerevan, uno dei più antichi insediamenti al mondo risalente al 782 a.C., con oltre 40 musei e gallerie d’arte, al monastero Sevanank (IX secolo), dove lo sguardo si perde sulle vette mozzafiato che si specchiano nel lago fino alla fortezza di Garni, l’unico monumento permanente di architettura ellenistica nel Caucaso, simbolo del potere di Mitra, dio del sole, alla cattedrale di Echmiadzin, quarta città dell’Armenia, capitale dal 184 al 340, luogo sacro per gli Armeni e sede del Catholicos, il capo della Chiesa apostolica armena, Patrimonio dell’Umanità Unesco dal 2000, con una sosta al lago Sevan, il “mare d’Armenia” a 1.900 metri, uno dei più grandi e bei laghi di montagna del mondo. Una natura forte e avvolgente, addolcita dal sole che in Armenia splende quasi otto mesi l’anno, lungo pendii di origine vulcanica ricoperti da sconfinate piantagioni di albicocche, coltivate da oltre 3000 anni. Un frutto nazionale dolce e saporito ma con un nocciolo duro all’interno, forte e indivisibile, metafora del suo popolo, che neanche la diaspora ha saputo scalfire.

 

DA SAPERE

Il nome originario del paese era Hayq, divenuto più tardi Hayastan, traducibile come “la terra di Haik” (“stan” è un tipico suffisso persiano per indicare un territorio). Secondo la leggenda, Haik era un discendente di Noè. Il termine Armenia fu coniato dai popoli confinanti a partire dal nome della più potente tribù presente nel territorio (gli armeni, appunto) e deriva da Armenak (o Aram), un discendente di Haik e un grande condottiero del popolo armeno.

Cenni geografici

Dal punto di vista geografico l’Armenia è situata nel continente asiatico (Asia occidentale), ma spesso lo stato armeno viene compreso tra gli stati europei, in ragione di considerazioni di tipo storico-culturale.

L’Armenia è un territorio prevalentemente montuoso, senza sbocchi sul mare, ricco di vulcani spenti, risultato di un sollevamento della crosta terrestre venticinque milioni di anni fa che ha creato l’altopiano armeno e la catena del Caucaso Minore che si estende dal nord dell’Armenia verso sud-est, tra il lago Sevan e l’Azerbaigian, fino al confine con l’Iran. Il lago Sevan, ad un’altezza di circa 1900 m s.l.m., è di gran lunga il più esteso del Paese occupando circa il 5% della sua superficie. Da questo lago nasce l’Hrazdan che attraversa la capitale Erevan al centro del Paese per sfociare nell’Aras, al confine con la Turchia: è il fiume più lungo del paese (158 km in territorio armeno) e raccoglie anche le acque dell’Akhurian, il secondo fiume per lunghezza, formando un’ampia valle pianeggiante condivisa tra Armenia, Turchia e più a valle Iran e Azerbaigian. Più a sud si trovano il fiume Vorotan, anch’esso affluente dell’Aras in territorio azero.

 

Quando andare

Il clima è di tipo continentale e dato che le catene montuose fermano le influenze del mar Mediterraneo e del Mar Nero è caratterizzato da estati calde e inverni freddi; le precipitazioni variano molto da zona a zona: lungo le rive del fiume Aras si trova la zona più arida del Paese.

Cenni storici

L’Armenia esiste da almeno 3.000 anni. Gli armeni hanno storicamente abitato gli “altopiani armeni”, una vasta parte di montagne e valli dell’Anatolia orientale e del Caucaso meridionale. È qui che si trovano le montagne bibliche di Ararat (e odierna marca di cognac). L’Armenia divenne il primo Paese cristiano al mondo nel 301 d.C.

Vari Stati vassalli, principati, regni e imperi sorsero e sparirono in diverse parti di questo altopiano durante la storia. Furono unificati un tempo, poco prima dell’avvento di Cristo, nell’impero di Tigran il Grande, che si estendeva dal Mar Caspio al Mar Mediterraneo.

Gran parte della storia della regione di allora è stata spesa sotto il dominio di qualsiasi grande potenza in auge al tempo: Romani, Bizantini, Ottomani, Persiani, russi e sovietici, tutti arrivati e poi andati. Questi imperi spesso combattevano le loro guerre sul territorio armeno, usando soldati armeni. Nonostante siano stati di rado politicamente indipendenti, gli armeni hanno mantenuto costantemente la propria lingua e religione. La sua posizione sulla via della seta permise all’Armenia di creare un collegamento nella grande rete di comunità mercantili che si estendeva dall’Estremo Oriente a Venezia.

Storia moderna

I russi e gli ottomani dominarono la storia moderna dell’Armenia. Il controllo ottomano fu stabilito presto, dopo la caduta dell’impero bizantino nel XV secolo. La presenza della Russia arrivò più tardi, negli anni 1820, dopo una serie di guerre con i persiani.

Il dominio islamico ottomano fu, per la maggior parte del tempo, in gran parte benigno. L’autonomia religiosa degli armeni è stata comprata attraverso la loro maggiore tassazione. Tuttavia le relazioni si sono inasprite nel tardo diciannovesimo secolo e hanno visto vari massacri di armeni. Ciò culminò con la rovina della reputazione degli Ottomani durante il genocidio armeno del 1915-1923.

Genocidio armeno

Durante la prima guerra mondiale gli ottomani combatterono contro i russi. Gli armeni cristiani sul confine russo degli ottomani erano considerati suscettibili di schierarsi con la Russia e quindi furono trattati come un nemico. Gli ottomani tentarono di uccidere o deportare l’intera popolazione armena. Persino la sconfitta degli Ottomani nel 1918 non prevenne il proseguimento della persecuzione che continuò fino al 1923 e portò alla morte di un numero di persone che oscilla tra i 600.000 e un milione e mezzo.

Il genocidio ha portato all’enorme diaspora della comunità armena che esiste oggi in tutto il mondo e alla persistente ostilità diplomatica tra Turchia e Armenia, dal momento che la Turchia continua a negare il genocidio, e si risente del fatto che l’Armenia abbia sollevato l’argomento a livello internazionale.

Armenia sovietica

Come è avvenuto in altre repubbliche sovietiche, l’Armenia ha visto una grande crescita industriale e un aumento generalizzato dell’istruzione. Erevan si estese da polverosa città di guarnigione di 20.000 abitanti a metropoli di 1 milione di persone e la macchina della cultura sovietica ha pesantemente investito, nonostante i suoi rigorosi limiti, nello sviluppo di attività culturali e di un’educazione ad essa affine.

Conflitto in Karabakh

Quando l’Unione Sovietica si disgregò all’inizio degli anni ’90, gli armeni del Nagorno Karabakh (oggi Artsakh), una regione culturalmente armena dell’Azerbaigian, combatterono per l’indipendenza dall’Azerbaijan con il sostegno dell’Armenia e della diaspora armena. La guerra fu vinta, ma non si raggiunse nessuna soluzione diplomatica. La linea del cessate il fuoco del 1994 rappresenta ora un confine nazionale di fatto e l’Artsakh si trova in una strana situazione di Stato non riconosciuto. Mentre i combattimenti a terra si sono fermati, con poche eccezioni, le tensioni diplomatiche continuano a crescere. I confini armeno/Karabakh con l’Azerbaigian sono chiusi. La Turchia ha inoltre chiuso il confine terrestre con l’Armenia a sostegno dei suoi parenti azeri-turchi.

Lingue parlate

Nel Paese si parla la lingua armena nella variante dell’orientale, che forma il proprio gruppo linguistico nella famiglia linguistica indoeuropea. L’armeno è diffuso anche nella comunità armena dell’Iran. Nel paese sono diffuse diverse minoranze linguistiche e gran parte della popolazione armena parla come seconda lingua il russo, perché l’Armenia faceva parte dell’Unione Sovietica e il russo continua a essere una seconda lingua obbligatoria nelle scuole. L’inglese sta diventando più ampiamente parlato, in particolare a Erevan; tuttavia fuori dalla capitale pochissime persone lo parlano.

Cultura e tradizioni

Data la sua orgogliosa pretesa di essere il primo Paese ufficialmente cristiano al mondo, ci sono innumerevoli monasteri e chiese, che sono ambientati in alcuni luoghi di incredibile bellezza naturale. I monasteri di Tatev, Noravank, Haghartsin, Haghpat e Geghard meritano una visita solo per il paesaggio, anche senza gli imponenti monasteri millenari che si trovano lì.

L’Armenia è all’incrocio affascinante dell’Europa e dell’Asia e la sua cultura attinge da entrambi. Mentre la maggior parte degli armeni si considera europea, il loro conservatorismo sociale in alcuni regni non è coerente con l’Europa vera e propria. Il nuovo mondo affrontato dagli armeni dopo la caduta dell’Unione Sovietica ha visto grandi cambiamenti sociali soprattutto nella capitale, Erevan. La popolazione piccola e molto omogenea (circa il 99% armena) è fortemente orientata alla famiglia. Le persone in tutto il Paese sono molto ospitali e sono molto orgogliose della loro ospitalità. Se ci si presenta in un villaggio senza soldi, cibo e un posto dove stare, arriveranno in massa per dare una mano portando bevande e toast.

Politicamente l’Armenia si è allineata con la Russia e contro i suoi vicini turchi e azeri.

L’Armenia ha anche molti segnali stradali in inglese, ci sono un discreto numero di armeni di lingua inglese in generale, e si ha la netta sensazione che i turisti siano i benvenuti. La polizia non sembra essere corrotta, non a Erevan almeno, e in generale il Paese sembra essere ragionevolmente sicuro e ben organizzato.

La letteratura scritta nacque nel V secolo d.C. I padri della letteratura armena furono Mastots e Sahak il Grande. Nel Settecento si diffuse la cultura letteraria Mechitarista. I principali poeti degli ultimi secoli sono il patriota Hovannes Tumanian e gli intellettuali della diaspora Arsciak Ciobanian e Hrand Nazariantz.

Nel panorama musicale contemporaneo vanno citati il cantante André (nome d’arte di Andreï Hovnanyan), Charles Aznavour e il gruppo System of a Down, residente negli Stati Uniti d’America. I componenti sono tutti originari dell’Armenia, e discendono dai superstiti del genocidio subito dal loro popolo, di cui parlano in molte canzoni.

L’Armenia è il primo stato del mondo a introdurre lo studio e il gioco degli scacchi come disciplina scolastica obbligatoria in tutte le scuole, con l’intento di creare una società migliore, rispettare regole e sviluppare strategie.

Religione

La religione predominante nella prima nazione cristiana del mondo non è difficile da indovinare: la quasi totalità della popolazione armena appartiene alla Chiesa Apostolica Armena, una Chiesa ortodossa orientale.

Pronto a partire?

Prenota la tua prossima vacanza con Supertravel

Leggi anche...

Seguici su Facebook

Leggi anche…

“Vivere a Ritmo di New York: Storie dalla Grande Mela”
Sorprendente Polonia – cosa vedere
La Giordania – Cosa devi sapere prima di partire
Viaggiare in Giappone – Guida, consigli e informazioni
sudafrica panorama
Sud Africa: Quando andare e cosa vedere

Ultimi Tour Pubblicati

BIKE TOUR IN MAREMMA

WEEK END MARE ISOLA DEL GIGLIO

Hai Domande?

Se hai qualche dubbio non esitare a contattarci, il nostro team di esperti sarà lieto di aiutarti

Iscriviti alla Newsletter