Martinica, Guadalupe e Reunion – un angolo di Europa tra i Caraibi e l’Oceano Indiano

Martinica, Guadalupe e Reunion – un angolo di Europa tra i Caraibi e l’Oceano Indiano

Benvenuti in Francia! Per quanto strano possa sembrare, mettere piede nell’isola della Martinica, a Guadalupe o a Reunion significa entrare nella Repubblica Francese e visitare un angolo sperduto dell’Unione Europea, dove la moneta locale è l’Euro e basta la Carta di Identità per viaggiare.

È la Francia, ma non come la conosci

Potrebbe sembrare irrilevante, ma le isole caraibiche di Martinica e Guadalupe e l’isola di Reunion nell’Oceano Indiano a largo del Madagascar sono politicamente e costituzionalmente parte della Francia. Questo significa che i loro cittadini sono francesi, godono degli stessi diritti, usano l’Euro come moneta, non serve il passaporto ma… queste sono isole tropicali!

Perché andare in Martinica?

Martinica è la più grande delle Isole Sopravvento e posizionata a sud nelle Piccole Antille, si trova a circa 40km a sud di Dominica e 40km a nord di St. Lucia. La sua costa occidentale si affaccia sul Mar dei Caraibi, mentre la sua costa orientale si affaccia sull’Oceano Atlantico.

Splendide spiagge confinano con foreste pluviali tropicali e imponenti cattedrali condividono lo skyline con un imponente vulcano.
Turisti e residenti affollano le strade piene di negozi e i vicoli pieni di ristoranti di Fort-de-France, mentre a poche miglia a nord, le foreste smorzano i suoni dei cinguettii degli uccelli e degli escursionisti.
Se vuoi, puoi passare un giorno in spiaggia e un altro a fare un’escursione adrenalinica in montagna: l’isola offre entrambe le cose.

La prima impressione che avrai arrivando sull’isola è quella di una Francia tropicale: tra spiagge orlate di palme, piantagioni di banane in collina, valli di ananas e montagne vulcaniche l’essenza della madrepatria si trova nelle panetterie, nei caffè all’aperto, nei ciclomotori rumorosi, negli ipermercati e nei negozi parigini nella capitale Fort-de-France.

Il momento migliore per visitare Martinica

Il periodo migliore per visitare Martinica è maggio. Le temperature rimangono costanti intorno ai 27 gradi durante tutto l’anno, ma c’è la possibilità di uragani in estate e in autunno.
Pianificare un viaggio per la tarda primavera ti assicurerà di ottenere il meglio dalle tue vacanze prima che arrivino le peggiori tempeste e di evitare anche la folla e i prezzi maggiorati dell’alta stagione dell’isola, da dicembre ad aprile.

Cosa mangiare sull’isola di Martinica

Chi soggiornerà in resort all-inclusive non dovrà preoccuparsi di trovare un ristorante, gli altri troveranno i ristoranti più famosi a Fort-de-France. Il cibo in Martinica è tra i migliori dei Caraibi, molti ristoranti offrono un menu turistico a prezzo fisso, che spesso include diverse portate e una bevanda.

La cucina della Martinica è una ricca fusione di sapori francesi, africani e creoli con i frutti di mare al centro dell’attenzione. I piatti di pesce, come i molluschi, il granchio e l’aragosta, hanno ricevuto un tocco francese con salse cremose e gratinati croccanti, accompagnati da patate dolci locali e tuberi simili a piantaggine e platano. I viaggiatori amanti del piccante dovrebbero provare un goccio di salsa chien, a base di cipolle, peperoncino, scalogno, olio e aceto.

Luoghi da visitare in Martinica

Bibliothèque Schoelcher

Nella capitale, Fort-de-France, la magnifica Bibliothèque Schoelcher è un colorato edificio barocco pieno di piastrelle romane, egiziane e maioliche, che prende il nome dall’uomo responsabile dell’abolizione definitiva della schiavitù nelle Indie Occidentali Francesi. La biblioteca contiene la collezione privata di libri dell’abolizionista Schoelcher e spesso ospita mostre. Progettato da Henri Picq, un contemporaneo di Gustav Eiffel, fu costruito in metallo a Parigi nel 1887, poi spedito in Martinica pezzo per pezzo.

Gorges de la Falaise

Una serie di canyon impressionanti e cascate imponenti nella foresta, con liane, felci e panorami a strapiombo. Prendi costume da bagno e scarpe con una buona presa che possano bagnarsi.
Questo è anche uno dei numerosi luoghi per il canyoning lungo i fiumi che scendono dal Monte Pelée, tagliando le valli mentre scendono verso il mare.

Musée de la Pagerie

Un’insegna di metallo arrugginito indica la strada per il museo, che segna il luogo di nascita dell’imperatrice Joséphine Bonaparte: Marie-Josèphe Rose Tascher de la Pagerie, in seguito ribattezzata dal suo famoso secondo marito Giuseppina, lasciò la Martinica per Parigi nel 1779 per sposare il visconte di Beauharnais. Nel 1796, 2 anni dopo la morte del visconte per ghigliottina durante la Rivoluzione francese, sposò Napoleone Bonaparte.

Jardin de Balata (Giardino botanico Balata)

Al loro meglio, dopo la stagione delle piogge alla fine dell’anno, questi giardini hanno una straordinaria collezione di anthurium, alberi e arbusti esotici. I colibrì svolazzano tra i fiori, mentre le lucertole tropicali sfrecciano lungo i sentieri. Nelle vicinanze, la chiesa del Sacré Coeur, una replica più piccola ma quasi esatta dell’originale parigino, si erge tra vegetazione tropicale e spettacolari viste sulle montagne.

St-Pierre e il Musée Vulcanologique (Museo Vulcanologico)

Forse il luogo più suggestivo della Martinica è la città di St-Pierre, sotto il cupo vulcano della Montagne Pelée. Nel maggio 1902 il vulcano eruttò, uccidendo tutti tranne uno dei 30.000 abitanti della città e devastando quella che era conosciuta come la “Parigi delle Antille”.

Molte delle rovine di questo luogo sofisticato e amante del divertimento, come il suo grande teatro e la chiesa principale, giacciono ancora lì, ormai da più di un secolo. Una nuova città è cresciuta tra le macerie della vecchia, e ci sono cafè e ristoranti per la gioia dei visitatori curiosi.
Anche se il ricordo dell’eruzione è commovente, St-Pierre non è un luogo tetro. Il Musée Vulcanologique ha immagini grafiche e manufatti sia prima che dopo il cataclisma, che mostrano la ferocia dell’eruzione della Montagne Pelée e spiegano come la scienza moderna abbia reso impossibile il ripetersi del disastro.

Guadalupe

Un arcipelago di oltre una dozzina di isole baciate dal sole, Guadalupe (o Guadalupa), è una destinazione varia, che ha un po’ di tutto: dalle spiagge deserte alle montagne avvolte dalla giungla. Le due isole principali del paese sembrano le ali di una farfalla e sono unite da un paio di ponti e da una palude di mangrovie. Grande-Terre, la parte orientale delle due isole, ha una serie di località balneari che offrono ai visitatori distese di sabbia di livello mondiale su cui oziare e numerose attività. La montuosa Basse-Terre, l’isola occidentale, ospita il fitto e lussureggiante Parc National de la Guadalupe, ricco di cascate e sormontato dallo spettacolare vulcano La Soufrière.

L’arcipelago è un paradiso per le immersioni, ma è perfetto anche per i viaggiatori più sedentari, che trascorrono giornate pigre sulle coste sabbiose e bevono rum in bar sgangherati sulla spiaggia ai ritmi travolgenti della beghina della Guadalupa.
Ogni isola, ovviamente, ha il suo carattere, ma pochi viaggiatori hanno il tempo di visitarle tutte. I più si fermano su una delle due isole principali Basse-Terre e Grande-Terre, collegate da fitte paludi di mangrovie ricche di fauna selvatica.

Queste due isole ospitano le principali attrazioni della Guadalupa: qui troverai la maggior parte degli hotel e degli intrattenimenti serali, potrai mangiare nei migliori ristoranti e passare le serate nei migliori bar.
Sono anche la sede delle principali attrazioni storiche dell’arcipelago, tra cui fortezze, piantagioni di zucchero abbandonate e musei, che, insieme, tracciano il DNA della moderna Guadalupa e spiegano come rimanga un improbabile membro dell’Unione Europea.

Il momento migliore per visitare Guadalupe

Guadalupe gode di un clima caldo tutto l’anno con la principale stagione delle piogge compresa da giugno a ottobre. I rovesci possono, tuttavia, verificarsi in qualsiasi momento anche se di solito sono brevi. L’umidità può essere, a volte, molto alta ma non fa mai troppo caldo perché i venti rinfrescano costantemente l’aria.
La stagione secca e più soleggiata va da dicembre a maggio.

Cosa fare e vedere in Guadalupa

Crogiolarsi sulle spiagge

Dalle sabbie nere e vulcaniche alle ampie coste di spiagge bianche, la Guadalupa vanta alcune delle spiagge più belle dei Caraibi.
Per gli amanti del tramonto Plage de la Perle su Grand-Terre è difficile da battere con la sua sabbia dorata, le palme fruscianti e i bar sulla spiaggia. Per spiagge più tranquille, esplora Sainte-Anne su Grand-Terre.

Scala un vulcano attivo

Sali su La Grande Soufrière, un vulcano attivo, che raggiunge la cima a 1.467 m e offre una salita impegnativa. Tuttavia, il panorama che accoglie i visitatori in vetta vale la pena: dall’alto è possibile vedere le cime verdeggianti delle isole circostanti. L’ultima eruzione significativa risale al 1976.

Esplora le rovine delle piantagioni di zucchero

Scoperta da Cristoforo Colombo nel 1493, l’isola di Marie-Galante fu divisa in piantagioni di zucchero dai francesi. Reliquie di queste piantagioni punteggiano l’isola, ma forse la rovina più interessante si trova nella piantagione Murat, che era il luogo di lavoro di 207 schiavi africani.
Qui puoi vedere i resti di un mulino a vento e dare un’occhiata intorno alla proprietà della piantagione.

Fai il bagno alle cascate di Carbet

Le cascate di Carbet, situate a Basse-Terre, sono una serie di tre spettacolari cascate ai piedi della Grande Soufrière. Solo gli escursionisti esperti e allenati dovrebbero tentare il trekking fino alla prima o terza cascata (dove un tuffo rinfrescante attende i più bravi), ma la seconda cascata è facilmente accessibile a tutti.

Immersioni subacquee lungo la costa occidentale

I migliori siti di immersione si trovano lungo la costa occidentale della Guadalupa. Il piccolo villaggio di pescatori di Anse Duché ha un relitto affondato da esplorare chiamato L’Augustin e ci sono diversi siti che circondano Ilets Pigeon (Isolette dei Piccioni), che fanno parte della Réserve Cousteau. La Riserva Naturale Grand Cul-de-Sac Marin, una riserva marina protetta nel nord, vanta anche grandi barriere coralline.

Escursione al Parco Nazionale della Guadalupa

Il Parco Nazionale della Guadalupa vanta circa 300 km di sentieri segnati, la maggior parte dei quali si trova nella foresta pluviale. Questa giungla mite ospita più di 100 specie di orchidee, 11 specie di pipistrelli e diverse specie rare di uccelli. Il parco ospita anche un vulcano, una montagna e una cascata.

Assapora l’arte antica

Il Parc Archeologique des Roches Graves vicino a Trois-Rivières ospita molte delle incisioni rupestri realizzate da antiche tribù come gli Arawak che un tempo abitavano le isole della Guadalupa.
Il parco ha anche un bellissimo giardino tropicale e i visitatori possono godere di viste spettacolari sull’arcipelago di Les Saintes.

Infiltrarsi in un forte francese

Fort Louis Delgrès, su Basse-Terre, fu costruito nel 1650 dal governatore francese Charles Houel. Il forte fu bersaglio di frequenti attacchi da parte della Marina britannica, che lo sequestrò brevemente nel 1759. Alla fine fu dismesso nel 1904 e classificato come monumento nazionale nel 1977.

Partecipa alla baldoria del Carnevale

Il Carnevale della Guadalupa, l’evento più atteso dell’anno, si svolge nelle settimane che precedono il mercoledì delle ceneri ed è un evento di proporzioni epiche. Gli isolani si vestono con costumi colorati, sfilano per le strade e ballano fino alle ore piccole, per la maggior parte delle sei settimane.

In kayak tra le mangrovie

Le paludi protette di mangrovie della Guadalupa abbondano di uccelli migratori, tra cui pellicani, martin pescatori e aironi. Queste specie si vedono meglio facendo una spedizione in kayak attraverso le foreste di mangrovie, che si trovano lungo la costa occidentale del paese.

Il Rum

La più famosa istituzione della Guadalupa, il Museo del Rum, spiega come viene prodotto dalla canna da zucchero e, cosa più importante, offre ai visitatori un assaggio della bevanda locale. Ci sono circa 15 rum tra cui scegliere, tutti prodotti dalla distilleria accanto.

Passeggia per la capitale coloniale

Pointe-à-Pitre è la capitale commerciale della Guadalupa ed è caratterizzata dai suoi colorati edifici coloniali, dai vivaci mercati e dai vivaci abitanti. Il fulcro della città è Place de la Victoire, dove più di 850 persone furono decapitate dalla ghigliottina durante la Rivoluzione francese.

La cucina della Guadalupa

La cucina della Guadalupa presenta molte specialità creole, ma c’è anche una forte influenza francese. I frutti di mare compaiono nella maggior parte dei menu e anche i piatti al curry sono popolari. Le spezie e le erbe aromatiche sono usate generosamente e anche la frutta locale come la carambola a forma di stella, il giraumon (un tipo di zucca) e la malanga (un tipo di radice) sono ingredienti comuni. La Guadalupa ha numerose pasticcerie e caffè che servono dolci francesi con un tocco creolo. I ristoranti più formali richiederanno un abbigliamento appropriato.

Isola di Reunion

Tecnicamente un dipartimento d’oltremare della Francia, l’isola di Réunion galleggia nelle calde acque azzurre dell’Oceano Indiano tra Madagascar e Mauritius. Ma se stai pensando alle spiagge da cartolina di Mauritius, ripensaci. Le spiagge della Riunione tendono ad essere strette e sulle coste meridionali e orientali dell’isola troverai solo sabbia nera vulcanica.

Ciò che Réunion ha sono le barriere coralline, un lussureggiante interno ricco di foreste, uccelli e piante rare, cascate in abbondanza e uno dei vulcani più attivi del mondo.

Tutto ciò rende l’isola ideale per l’ecoturismo e gli sport d’avventura. Riunion è un paradiso per gli escursionisti con oltre 1000 km di sentieri ben segnalati ma anche escursionisti a cavallo, appassionati di mountain bike, surfisti e subacquei sono ben soddisfatti.
Reunion è anche in cima alla lista delle destinazioni più fotogeniche del mondo.

La composizione culturale mista di Reunion la rende affascinante da visitare.
Disabitata prima del XVII secolo, gli odierni Réunionnais sono i discendenti di colonizzatori europei, schiavi africani, lavoratori indiani e mercanti cinesi, la cui influenza si può sentire nella cucina e nella cultura di Réunion.

Come gli altri dipartimenti di oltremare Martinica e Guadalupa, anche a Reunion è in vigore l’Euro, si parla francese e la si può raggiungere anche senza passaporto ma con una carta di identità valida per l’espatrio.

Quando andare a Riunion

La maggior parte dei turisti di Reunion sono francesi. Gli hotel e i voli durante le vacanze scolastiche francesi vengono rapidamente prenotati e i prezzi salgono.
Evita la loro estate (da gennaio a marzo), questa è la stagione dei cicloni. Anche se un ciclone non la colpisce, le piogge sono torrenziali e i sentieri possono diventare impraticabili.

Ad agosto, la popolazione tamil di Reunion partecipa a cerimonie di camminata sul fuoco. L’abolizione della schiavitù si celebra il 20 dicembre e, sempre a dicembre, si tiene anche la Fête des Letchi, che dura una settimana e raccoglie i produttori di questo frutto.

La cucina di Reunion

Come la sua popolazione, la cucina di Réunion è un misto di tradizione creola, cinese, francese e indiana. Dai samosa alle baguette fino all’onnipresente cari (un curry ricco di pomodori, cipolle, zenzero, timo e zafferano), mangerai sicuramente bene. E come ti aspetteresti da un’isola, il pesce è ottimo.

Sebbene la maggior parte dei pasti principali tenda ad essere a base di carne, i vegetariani troveranno molta varietà di frutta e verdura esotica a Réunion: il chayote, la vite e il babà figue, solo per citarne alcuni.

Non lasciare l’isola senza aver provato un po’ di rhum arrangé, un rum alla frutta, solitamente servito dopo i pasti.

Le coste

Réunion non è propio una destinazione per le vacanze al mare, ma le spiagge qui sono comunque piacevoli. Gli hotel sono per lo più concentrati in un’area sulla costa occidentale, intorno agli incantevoli villaggi di St-Leu e St-Gilles-les-Bains.
St-Leu ha una spiaggia di sabbia nera vulcanica tipica dell’isola, mentre nella famosa St-Gilles-les-Bains la sabbia è insolitamente dorata. In questa zona, le lagune naturali formate da barriere coralline offrono luoghi sicuri per nuotare, lontano dagli squali che abitano le acque più profonde create dal paesaggio vulcanico.
Sulla costa orientale, le città lasciano il posto a campi di canna da zucchero e piantagioni di vaniglia.

Vulcani e Circhi

Il 40% di La Réunion è un sito patrimonio mondiale dell’UNESCO, creato per proteggere l’aspro interno vulcanico dell’isola. A 3.070 metri di altezza, il vulcano spento del Piton des Neiges è la caratteristica dominante dell’isola, avvolto in una lussureggiante foresta subtropicale.
Copre la maggior parte del nord-ovest dell’isola e offre una gran varietà di visite turistiche e attività all’aperto.

L’attivo Piton de la Fournaise (2.630 metri) è il secondo vulcano più attivo del mondo. Situata nell’angolo sud-est dell’isola, è l’attrazione più popolare di La Reunion. Segui i sentieri della foresta, fermati in vari punti panoramici per vedere i canyon e il paesaggio lunare, vedere il lago del cratere e camminare sui flussi di lava delle precedenti eruzioni. “Il Picco della Fornace”, come si traduce il nome del vulcano, ha eruttato nel 2004 e l’isola continua a crescere per la diffusione della lava.

Dove i vulcani sono collassati, si sono creati antichi anfiteatri naturali ricoperti di giungla, conosciuti qui come “circhi“.
Salazie, Cilaos e Mafate compongono i tre circhi. Il Cirque de Salazie, a circa 50 km dalla capitale St-Denis, è il più grande circo, circondato da foreste verdeggianti e punteggiato da più di 100 cascate. Ospita uno dei villaggi più belli dell’isola, Hell-Bourg, ai margini del circo, con le sue case creole e gli splendidi giardini.
Raggiunto da una memorabile strada tortuosa, il colorato Cirque de Cilaos dispone di un centro termale ed è noto per i suoi sentieri escursionistici e ciclabili e per i vigneti.
Il terzo circo, l’aspro e isolato Cirque de Mafate, può essere raggiunto solo a piedi o scoperto in elicottero. Nonostante ciò, una popolazione di contadini creoli vive in villaggi in cima agli altipiani.

St Denis
La città principale di La Réunion, St Denis, è anche la più settentrionale dell’isola, spesso trascurata a favore delle attrazioni naturali. Ma per gli amanti della cultura e dell’architettura, è un’ottima tappa, con case creole (alcune aperte al pubblico) e due musei: il Musee Leon Dierx con un’impressionante collezione di arte moderna e il Museum d’Histoire Naturelle. I ristoranti qui sono anche tra i migliori dell’isola.

La Reunion
Pronto a partire?

Prenota la tua prossima vacanza con Supertravel

TOUR INDIVIDUALE

L’ESSENZA DI REUNION
Tour Fly&Drive

10 giorni/8 notti
Partenze : Partenze giornaliere fino a Ottobre 2022
Francia, Oceano Indiano
Min Partecipanti : 2
Da€1,150.00
0
Dettagli
Soggiorno mare

IN EUROPA AI CARAIBI…
…MARTINICA!

9 giorni/7 notti
Partenze : Dicembre 2021 - Febbraio 2022
Martinica - Caraibi
Da€1,650.00
0
Dettagli
Soggiorno mare

REUNION
Un acquario naturale e vivente

9 giorni/7 notti
Partenze : Dicembre 2021 - Febbraio 2022
Reunion - Oceano Indiano
Da€1,500.00
0
Dettagli

Leggi anche...

Seguici su Facebook

Leggi anche…

Pesci della barriera corallina del Mar Rosso
Cosa fare e vedere nella regione del Mar Rosso
Il Mar Rosso Dove e Quando andare
3 Giorni a Vienna: L’itinerario Perfetto
Praga paesaggio invernale
Dove festeggiare il Capodanno, in Europa e nel Mondo
Weekend a Budapest

Ultimi Tour Pubblicati

BIKE TOUR IN MAREMMA

WEEK END MARE ISOLA DEL GIGLIO

Hai Domande?

Se hai qualche dubbio non esitare a contattarci, il nostro team di esperti sarà lieto di aiutarti

Iscriviti alla Newsletter