Seychelles – Quando e dove andare

Se stai sognando palme inclinate, spiagge bianche, entroterra lussureggianti e selvaggi e acque cristalline, allora stai sognando le Seychelles. Le parole “paesaggio da cartolina” non rendono giustizia a queste 115 isole sparse nell’Oceano Indiano a 1.600 km dalla costa orientale dell’Africa.

Sia che visiti soltanto le tre isole principali di Mahé, Praslin e La Digue o che esplori anche le isole periferiche, avrai solo l’imbarazzo della scelta: oltre a prendere il sole su alcune delle spiagge più belle del mondo, come Anse Source d’Argent e Anse Soleil, puoi fare trekking nell’interno lussureggiante e montuoso dell’isola di Mahé, immergerti con le creature degli abissi a Shark Bank oppure fare un salto da un’isola all’altra alla scoperta di sentieri nella giungla, acque turchesi e calette deserte.

Le isole ospitano anche due siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO, la leggendaria Vallee de Mai sull’isola di Praslin e la barriera corallina mozzafiato di Aldabra.

Documenti necessari per l’ingresso

Passaporto: oltre al passaporto occorre essere in possesso di un biglietto di andata e ritorno, condizione indispensabile per l’ingresso nel Paese.
Visto d’ingresso: necessario, rilasciato al momento dell’arrivo nel Paese.

Per conoscere la situazione aggiornata sulle normative di ingresso fai riferimento al sito ufficiale viaggiaresicuri.it

Quando andare alle Seychelles

Le Seychelles sono benedette da un clima caldo e tropicale tutto l’anno. Il clima è governato dagli alisei. Da ottobre a marzo i venti da nord-ovest portano un clima più caldo e da maggio a settembre gli alisei di est portano un clima più fresco e ventoso, ideale per la vela.

I mesi senza vento di aprile e ottobre sono i mesi migliori per le immersioni e lo snorkeling, quando l’acqua è più calda e più limpida.

La stagione dei monsoni di sud-est colpisce da maggio a settembre e porta con sé brezze fresche e cieli nuvolosi. La stagione dei monsoni di nord-ovest significa cieli sereni e acque limpide, insieme a temperature elevate e, a volte, pioggia. I viaggi alle Seychelles raggiungono il culmine nei mesi di luglio e agosto e durante la stagione delle vacanze invernali fino al capodanno.
Molti viaggiatori, tuttavia, scelgono di visitare le Seychelles a novembre e aprile per un mix di entrambe le stagioni.

Da gennaio a marzo, puoi anche vedere la schiusa delle uova di tartaruga e l’uscita in mare perché hanno nidificato e deposto le uova in ottobre.

Mangiare e bere alle Seychelles

I punti forti della cucina sono il pesce e il riso.
Inutile dire che il pesce è fresco e delizioso: aragosta, granchio, polpo e una vasta gamma di pesci sgusciati, al vapore, salati, al forno, affumicati, tritati… l’elenco potrebbe continuare all’infinito.

Le isole hanno anche una grande varietà di frutta tropicale tra cui mango, banana, papaya e crambole. I succhi di frutta sono buonissimi. La birra locale è la Seybrew ma devi assaggiare anche il calou, un vino di palma analcolico.

©villimaka foliaki / Flickr

Le migliori isole delle Seychelles

Per pianificare la vacanza perfetta alle Seychelles, devi considerare bene tre cose:

  1. il periodo dell’anno (assicurati di sapere in anticipo quando e dove colpiscono i monsoni);
  2. la qualità dell’albergo;
  3. la scelta dell’isola

Ognuna delle tante isole delle Seychelles che accolgono i turisti ha caratteristiche proprie.
La maggior parte dei turisti che soggiornano a Mahé si dirigono dritti verso la loro destinazione finale, senza dedicare del tempo ad esplorare l’isola principale.
Potresti considerarla più commerciale e moderna rispetto alle altre isole, ma oltre alla piccola capitale Victoria, Mahé ha alcune spiagge e foreste spettacolari da scoprire, con l’ulteriore vantaggio di attrazioni artistiche e culturali.

Tuttavia, se hai solo il tempo per visitare un’isola, Praslin è quella giusta. Oltre alle sue spiagge, delimitate da massi di granito, l’altra attrazione principale è la Vallée de Mai, una magnifica e fitta foresta di palme patria del Coco de Mer o Cocco di Mare, considerato “il frutto proibito dell’Eden”.
Praslin è anche base perfetta per visitare le isole di Cousin, Curieuse, St Pierre, La Digue e Aride che sono tutte a breve distanza in barca.

La rilassata La Digue può essere raggiunta da Praslin con una gita di un giorno, ma per ammirare la spettacolare costa, una delle location preferite per i servizi di moda, ed esplorarne i sentieri dell’entroterra in bicicletta o su un carro trainato da buoi, un paio di giorni qui sarebbero un tempo ben speso.

Le isole coralline esterne di Bird, Denis, Desroches e Alphonse sono perfette per allontanarsi da tutto. Alcune isole hanno il loro resort di lusso, ma sono state sviluppate per preservare con attenzione l’ambiente. Con strutture per la vela, le immersioni, lo snorkeling, la pesca d’altura e il birdwatching tra le altre attività, qui c’è molto da fare per coloro che vogliono molto di più che sognare i giorni trascorsi oziando in acque cristalline.

Mahé

Mahé è l’isola più grande e più densamente popolata delle Seychelles.
L’istinto di molti visitatori subito dopo essere atterrati all’aeroporto internazionale è di precipitarsi a Praslin, La Digue o anche più lontano per scoprire le vere Seychelles.
Tuttavia, mentre la capitale Victoria ha la sua giusta dose di ingorghi e lavori in corso, è ancora il tipo di posto dove tutti si conoscono e dove una partita a domino fuori dal negozio locale è un momento clou della vita sociale. Al di fuori della città, ci sono molte opportunità per lasciarsi alle spalle lo stress della vita moderna, con vie di fuga verso la spiaggia o la montagna.

Essendo l’isola più grande e più elevata, c’è un elemento di grandezza nella bellezza di Mahé che le altre isole non hanno. Lo scenario costiero va da scogliere di granito selvagge dove le onde si infrangono contro enormi massi che cadono nell’oceano, a tranquille baie orlate di palme, come Beau Vallon.
Se ti senti stanco delle acque turchesi e delle sabbie argentate, puoi fuggire sulle alte colline e vivere il silenzio inquietante della remota foresta pluviale. Le vecchie piantagioni offrono diversivi come il Jardin du Roi e il Village Artisanal. L’atmosfera è indimenticabile, quella che molte isole tropicali hanno perso da tempo. Nei dintorni di Mahé ci sono diverse isole satellite, molte delle quali si trovano nel Parco Nazionale Marino di Ste Anne.

Victoria

Victoria è ancora una piccola capitale per gli standard moderni. Si trova sulla costa orientale, 8 km a nord dell’aeroporto, delimitata dalle montagne da un lato e dal mare dall’altro. Oggi Victoria è il centro commerciale delle Seychelles e durante l’orario di lavoro le strade si riempiono di gente e traffico. La “vecchia” Victoria, l’area che si trova ai piedi delle montagne, è costruita intorno a strade strette ed eleganti edifici in stile coloniale francese in rovina. Le attrazioni degne di nota includono la Torre dell’Orologio, il mercato di Sir Selwyn Clarke, il Museo Nazionale delle Seychelles e i Giardini Botanici.

Le Jardin Du Roi – Spice Garden

Nel 1772 Antoine Gillot, su istruzione del governo francese, istituì un “Giardino delle Spezie”, oggi invaso dalla vegetazione. In sua memoria, è stato aperto sulla collina sopra Sweet Escott Road il Jardin du Roi (Giardino del re). Questa piantagione di spezie, oggi rinnovata e basata sull’ex tenuta L’Enfoncement, ti dà la possibilità di vedere crescere molte piante aromatiche (tra cui noce moscata, pepe, cannella, vaniglia e chiodi di garofano). C’è una passeggiata che puoi seguire usando una guida. Il piccolo museo nella casa della piantagione ha alcuni reperti interessanti, tra cui vecchie stampe, mappe e foto delle Seychelles e informazioni sulla coltivazione e l’utilizzo delle spezie.

Le Village Artisanal

Sul sito di un’ex piantagione, si trova il Village Artisanal (Villaggio dell’Artigianato) dove puoi passare un po’ di tempo guardando i laboratori e acquistando souvenir. Al centro del villaggio l’antica casa coloniale, risalente al 1870, è stata arredata in tipico stile dell’epoca.
Le stanze fresche e buie profumano di cera lucida e cannella ed evocano un’immagine della vita signorile che un tempo godevano pochi privilegiati. È facile immaginare un incontro sociale a lume di candela, le signore nei loro lunghi abiti che si sventolano freneticamente e i signori in abito da sera assaporare i pregiati vini importati a grandi spese dalla Francia.

Beau Vallon

A nord-ovest di Victoria, Beau Vallon è la spiaggia più popolare delle Seychelles, con tre grandi hotel e diversi stabilimenti più piccoli su di essa o nelle vicinanze. Tuttavia, è molto affollata solo nei fine settimana, quando la gente del posto si unisce ai turisti per godersi la spiaggia e gli sport acquatici.

Due dei migliori centri di immersione delle Seychelles si trovano al Coral Strand Hotel e al Beau Vallon Bay Hotel. Anche il parapendio è molto di moda. Altre attività includono la consueta gamma di sport acquatici dal windsurf allo sci nautico fino alle escursioni in gommone. Beau Vallon è una spiaggia eccellente per il nuoto e sicura per i bambini, con sabbia soffice, nessuna risacca o correnti pericolose, una leggera pendenza e generalmente senza grandi onde. È anche un’ottima spiaggia solo per rilassarsi e guardare gli appassionati di sport acquatici.

Parco nazionale marino di Ste Anne

I portoghesi chiamavano le Seychelles le Sette Sorelle nelle loro carte nautiche perché Mahé si erge come una grande sorella maggiore circondata dai suoi fratelli minori, di cui sei si trovano appena al largo della costa orientale, circondando il magnifico porto naturale di Victoria. Queste isole si trovano all’interno del Parco Nazionale Marino di Ste Anne, creato nel 1973, il primo parco del genere nell’Oceano Indiano. Sfortunatamente, i coralli sono l’ombra di se stessi, a causa degli effetti dell’uragano El Niño e forse anche del riscaldamento globale. Per proteggere questo fragile ambiente sono vietati gli sport motorizzati, la pesca e la raccolta di coralli, conchiglie e crostacei vivi. La vita marina è ancora prolifica (con più di 200 specie di pesci) e il breve viaggio al parco marino, combinato con il pranzo in una delle incantevoli e tranquille isole dotate di ristoranti, è ancora un modo molto piacevole di trascorrere una giornata.

Praslin

Praslin, 45 km a nord-est di Mahé, è la seconda isola delle Seychelles sia per dimensioni che per popolazione. Ha un profilo più dolce, raggiungendo solo 367 m di altitudine, le colline sembrano più levigate rispetto alle montagne di Mahé, ma le foreste primordiali di palme che si trovano qui non si trovano da nessun’altra parte sulla Terra. Qui si trovano tutte e sei le palme endemiche, incluso il simbolo dell’isola, il coco de mer. Le strade sono più tranquille rispetto a Mahé e il ritmo della vita è più lento.

Le attrazioni di Praslin

Nessun viaggio a Praslin è completo senza una visita al sito Patrimonio dell’Umanità della Vallée de Mai, la più grande foresta di coco de mer del mondo. Anche se non sei interessato alla flora e alla fauna, l’atmosfera del luogo è stimolante. La valle occupa il cuore di Praslin, a metà strada tra Grande Anse e Baie St Anne. Tutte e sei le palme endemiche delle Seychelles si trovano nella Vallée de Mai insieme all’uccello nazionale, il pappagallo nero delle Seychelles, che nidifica solo a Praslin. L’isola è piena di spiagge meravigliose: Anse Lazio fa a gara con Anse Source d’Argent (a La Digue) per essere nominata “la più bella spiaggia del mondo”.

Valle di Mai

La valle occupa il cuore di Praslin, attraversata da numerosi percorsi naturalistici. Le opzioni includono un breve tour che comprende la maggior parte dei siti botanici (della durata di circa un’ora) o un percorso circolare più lungo (da due a tre ore a passo lento) che include uno spettacolare punto panoramico dove spesso si possono vedere pappagalli neri e rondini delle caverne delle Seychelles.

Camminare è facile e, sebbene il sentiero salga e scenda, non è troppo ripido. Circa un quarto degli alberi della valle sono palme da cocco e quasi la metà del resto sono altre palme che si trovano solo alle Seychelles. Il silenzio della valle è rotto dal fischio penetrante del pappagallo nero, ma gli uccelli sono spesso difficili da individuare nella fitta foresta. Sono più facilmente visibili in aree più aperte, anche vicino all’ingresso e dal punto di osservazione. Il generale britannico, Charles Gordon, visitando la valle nel 1881, concluse che questa valle era il Giardino dell’Eden e il coco de mer il frutto della conoscenza.

Grande Anse

Grand Anse è il più grande insediamento di Praslin, ma è un posto tranquillo rispetto ai villaggi più grandi di Mahé. Ci sono diversi hotel, ristoranti e cibo da strada, anche se le alghe presenti sulla spiaggia la rendono un po’ meno pittoresca di altre. A volte si possono vedere pappagalli neri negli alti alberi di mango e alberi del pane dietro il Britannia Hotel, a 200m nell’entroterra dalla chiesa parrocchiale di San Matteo.

Baie St Anne

Qui il molo fa da terminal per i traghetti tra le isole e le golette di Mahé e La Digue. Molte barche a noleggio e pescherecci locali attraccano all’interno degli ampi bracci della baia.
Praslin attrae gli amanti dell’arte e gli artisti, e per fare un esempio della vasta gamma di ciò che si può vedere qui, visita la Galerie Passerose o la Cap Samy Art Gallery che si trova a 300m su una ripida collina.

Anse Lazio

Dopo Anse Boudin la strada gira nell’entroterra oltre la collina verso Anse Lazio, salutata come “la migliore spiaggia del mondo”. La sabbia qui è fine e soffice come lo zucchero semolato ed è disseminata di massi di granito. Il nuoto è eccellente, tranne quando i venti da nord-ovest sono più forti, principalmente intorno a gennaio e febbraio. Lo snorkeling è il migliore intorno alle rocce e nelle due piccole insenature all’estremità nord-orientale della baia. Per godersi la spiaggia al meglio è meglio venire la mattina presto prima della folla.

La Digue

Agli albori del turismo alle Seychelles, La Digue era pubblicizzata come l’isola dimenticata dal tempo, dove la vita scorreva a un ritmo poco più veloce di quello dei suoi carri trainati da buoi, allora l’unico mezzo di trasporto pubblico. Oggi, i carri di La Digue sono più un diversivo turistico che una necessità: biciclette e pick-up e alcune auto ora condividono la strada sotto le palme. Il turismo va di pari passo con lo stile di vita tradizionale e si è unito ad esso per elevare gli standard di vita. Tuttavia, non avendo una pista di atterraggio e solo una piccola popolazione, l’isola conserva la sua atmosfera di cordialità.

La quarta isola più grande dell’arcipelago, La Digue è generalmente considerata una delle più belle delle isole Seychelles e da non perdere. La spettacolare costa, con i suoi enormi massi che sovrastano spiagge perfette, come Grand Anse e Anse Source D’Argent, è stata utilizzata come sfondo per molti film e servizi di moda. Ex piantagioni come Château St Cloud e L’Union Estate offrono punti di interesse storico. L’isola è grande meno della metà di Praslin, a soli 4 km a ovest, ma sale quasi altrettanto in alto, con i 333m di Nid d’Aigles. La popolazione dell’isola è anche meno della metà di quella di Praslin con circa 2.000 abitanti concentrati principalmente sulla costa occidentale tra La Passe e La Réunion. Anche la maggior parte degli alloggi turistici ha sede qui.

La Passe

I traghetti da Baie Ste Anne arrivano al tranquillo porto di La Passe, un paradiso per yacht e golette che si riparano vicino alla costa orlata di palme. Ci sono un certo numero di grandi case in stile piantagione a La Passe, che invecchiano con grazia e, nel complesso, ben tenute. Il tranquillo mercato del pesce vicino al molo si trasforma in un alveare di attività quando i pescatori portano il pescato. Il piatto altopiano costiero e le sue spiagge fino a L’Union Estate a sud di La Passe sono facilmente esplorabili a piedi.

Château St Cloud

Château St Cloud, un grandioso e incantevole edificio che ora ospita un piccolo hotel, è stato costruito al culmine delle guerre napoleoniche come casa padronale di una fattoria di vaniglia. La vaniglia è stata introdotta a La Digue nel 1866 e ha rapidamente superato le noci di cocco come merce più redditizia. L’ulteriore sviluppo della vanillina sintetica all’inizio del XX secolo causò il crollo dell’industria, causando difficoltà agli isolani. Si possono ancora vedere le rovine degli alloggi degli schiavi e i resti della fabbrica di vaniglia. Una strada vicino al castello si dirige verso la ripida collina fino a Belle Vue, appena sotto la vetta del Nid d’Aigles.

L’Union Estate

L’Union Estate è un museo all’aperto della vita nelle piantagioni, tra cui un calorifero funzionante, usato per produrre copra (cocco essiccato) e una pressa azionata da buoi per l’olio di cocco e la lavorazione della vaniglia. Da vedere La Digue Rock, un gigantesco masso simile a una scultura naturale, tartarughe giganti, passeggiate a cavallo e una pittoresca casa padronale di una piantagione. La tenuta custodisce anche l’ingresso alla spiaggia più famosa di La Digue, Anse Source D’Argent.

Anse Source D’Argent

Rinomata come una delle spiagge più belle delle Seychelles, Anse Source d’Argent (Baia della Sorgente d’Argento) è raggiungibile seguendo il sentiero ombreggiato di palme che costeggia La Digue Rock e la casa della piantagione. Non ci sono strutture qui, ma questo fa parte della sua bellezza. Le sabbie bianche argentate sono incorniciate da giganteschi massi di granito e palme perfettamente posizionate: il massimo degli sfondi esotici e un luogo popolare per i servizi fotografici di moda. Un sentiero costiero, facilmente percorribile a piedi, prosegue verso sud oltrepassando una serie di calette altrettanto belle.

Grande Anse

Vicino all’ingresso di L’Union Estate, la strada svolta nell’entroterra e attraversa una zona paludosa conosciuta come La Mare Soupape (soupap è il nome creolo delle tartarughe d’acqua, o tartarughe di fango, che abitano la zona). Oltre la palude, la strada sale ripida ed è piuttosto faticoso pedalare o camminare fino alla cresta della collina. La perseveranza viene premiata con viste mozzafiato mentre la strada scende attraverso una fitta vegetazione verso le sabbie vellutate, gli affioramenti di granito e le acque turchesi di Grand Anse, la spiaggia più grande dell’isola.
È un luogo perfetto per rilassarsi e fare picnic, ma il mare può essere selvaggio e pericoloso, in particolare tra giugno e settembre, quando le onde creano una potente risacca. Un sentiero conduce a nord-est di Grand Anse verso altre due baie magiche. Spesso deserte, anche le bianche sabbie di Petite Anse e Anse Cocos sono circondate da spettacolari formazioni rocciose.

Pronto a partire?

Prenota la tua prossima vacanza con Supertravel

SOGGIORNO MARE

SEYCHELLES – MAHE’

8 giorni/7 notti
Partenze : Aprile, Maggio, Giugno 2022
SEYCHELLES
Min Partecipanti : 2
Da€1,490.00
0
Dettagli
SOGGIORNO MARE

SEYCHELLES – MAHE’ & PRASLIN

9 giorni/8 notti
Partenze : Aprile, Maggio, Giugno 2022
SEYCHELLES
Min Partecipanti : 2
Da€2,770.00
0
Dettagli
SOGGIORNO MARE

DUBAI & SEYCHELLES

9 giorni/8 notti
Partenze : Aprile, Maggio, Giugno 2022
DUBAI, SEYCHELLES
Min Partecipanti : 2
Da€2,470.00
0
Dettagli

Leggi anche...

Seguici su Facebook

Leggi anche…

La Repubblica Dominicana
ARUBA – un’isola piena di avventura!
10 cose che non ti hanno mai detto sull’Aurora Boreale
Maldive – Quando Andare
Martinica, Guadalupe e Reunion – un angolo di Europa tra i Caraibi e l’Oceano Indiano

Ultimi Tour Pubblicati

Hai Domande?

Se hai qualche dubbio non esitare a contattarci, il nostro team di esperti sarà lieto di aiutarti

Iscriviti alla Newsletter